Torre Federici

Il palazzo Federici era l'antica residenza della nobile famiglia, distinta dal castello; ha un portale del '500 e dell'interno rimaneggiato restano solo la loggia e una scala a chiocciola. La torre è fatta di conci irregolari con poche finestre a tutto sesto.

La Torre è stata inaugurata nel 2013. L'Amministrazione comunale in quegli anni ne ha terminato il restauro della “Torre Federici”.
La Torre costituisce uno dei più antichi edifici del luogo, appartenuto ai Federici: un'importante famiglia ghibellina della Valle Camonica, i cui membri tra il 1458 e il 1697 hanno ricoperto per 54 volte la carica di Sindaco della Comunità di Valle Camonica.
L'edificio ospita al piano terra due locali, destinati a spazi espositivi o ad altre esigenze/iniziative di natura culturale. Al primo piano c'è una sala museale permanente dedicata alla battaglia garibaldina del 4 luglio 1866, detta “la Battaglia di Vezza d'Oglio”, che si svolse all'interno del contesto della terza guerra di indipendenza. Al primo piano c'è anche una sala riunioni appositamente attrezzata con circa 30 posti a sedere e un ulteriore spazio a disposizione per eventuali allestimenti espositivi.
Al secondo piano c'è la sede della biblioteca comunale con spazi di lettura, una nuova area attrezzata dedicata alla lettura dei bambini ed una caratteristica sala espositiva ricavata nella torre.